Regione Sicilia

ANCI dà ragione al Sindaco Surdi, atti legittimi anche in assenza del Plenum

Pubblicato il 10 dicembre 2018 • Comune , Comunicati Stampa Piazza Ciullo, 91011 Alcamo TP, Italia

COMUNICATO STAMPA DEL  10  DICEMBRE    2018
ALCAMO - IL PARERE DELL’ANCI DA’ RAGIONE AL SINDACO SURDI: “GLI ATTI ADOTTATI DALLA GIUNTA PUR IN ASSENZA DEL PLENUM SONO DA RITENERSI LEGITTIMI”
“Nelle scorse settimane –dichiara il Sindaco Domenico Surdi -avevamo chiesto un parere in merito alla presunta illegittimità delle deliberazioni della Giunta Comunale per ragioni legate alla sua incompletezza (assessore Russo dimessosi il 1^ Giugno e sostituito il 26 Giugno).

Adesso - continua il Sindaco - il parere reso dall’Anci conferma quanto avevamo sostenuto circa la piena legittimità delle delibere approvate in Giunta prima della nomina del nuovo assessore. Peraltro a maggior tutela, viene anche indicato l’autorevole parere del Ministero dell’Interno. L’occasione è stata comunque utile per fugare ogni dubbio, per rispetto dell’intero Consiglio e della Città cui dobbiamo sempre dar conto”.
Infatti si legge nella nota pervenuta dall’ANCI “L’orientamento prevalente è che la completezza dell’organo inerisce solo al momento dell'insediamento e non a momenti successivi. Conseguentemente se il collegio, una volta che sia regolarmente costituito, rimane privo di alcuni componenti, può continuare legittimamente ad operare purché il numero dei componenti in carica non discenda al di sotto del quorum strutturale.
In particolare relativamente al funzionamento della giunta, il Ministero dell’Interno con parere del 2 dicembre 2011 (05.03.02) ha affermato: ”Se, in prosieguo di tempo, qualcuno dei componenti viene a mancare, deve ritenersi che il collegio possa continuare legittimamente a svolgere le sue funzioni, nelle more della reintegrazione del plenum, purché sia sussistente il quorum strutturale (così Cons. St. sez. V 8 luglio 1977 n. 767); la giurisprudenza in parola motiva, invero, tale soluzione con la necessità di impedire la paralisi dell'organo, privilegiando l'efficienza rispetto alla rappresentatività.”